mostre
PICASSO e VOLLARD. Il genio e il mercante

Per la prima volta in Italia, nelle sale dell’Istituto Veneto di Scienze Lettere ed Arti, 150 opere raccontano il lungo e contrastato sodalizio intercorso tra il mercante d’arte Ambroise Vollard e Pablo Picasso. La mostra, ideata e organizzata da GAmm Giunti in collaborazione con l’Istituto Veneto di Scienze Lettere ed Arti, curata da Claudia Beltramo Ceppi, propone, nelle sale di Palazzo Franchetti, un percorso espositivo con oltre 150 opere, tra cui la serie completa delle 100 incisioni della Suite Vollard, la Minotauromachia, forse l’assoluto capolavoro grafico di Picasso, le 30 acqueforti originali per l’Histoire Naturelle di Buffon, le acqueforti dei Saltimbanchi. Pioniere tra i mercanti d’arte della fine del XIX secolo, Ambroise Vollard (1866-1939) svolse un ruolo decisivo nello sviluppo dell’arte moderna fino ai primi decenni del XX secolo. Grazie al suo intuito, al suo genio commerciale e alla sua audacia, Vollard riuscì a crearsi una posizione di tutto rispetto nel mercato dell’arte mostrando un notevole interesse per gli artisti sconosciuti o “messi al bando”. Vollard non solo organizzò la prima mostra monografica su Paul Cézanne nel novembre del 1895 ma, nella sua galleria d’arte, espose le opere dei Nabis e prese le difese di molti giovani pittori come Derain o Rouault.

Quando nel 1901, un giovanissimo artista catalano, Pablo Picasso giunse a Parigi e cercò di farsi strada nel mondo dell’arte e delle gallerie, fu proprio Ambroise Vollard a offrirgli, fra i primi, un’occasione di esporre nella sua galleria, confermandosi il mercante-editore capace di promuovere le avanguardie con i più grandi collezionisti europei e americani.

Iniziò così una relazione complessa che coinvolse profondamente i due uomini e che si prolungherà per quasi quarant’anni, fino alla morte di Vollard nel 1939.

Fin da quel lontano inizio, Vollard acquistò e vendette i dipinti di Picasso a Schukin e Morozov, a Gertrude e Leo Stein, a Barnes e Thannhauser, perfino a Stieglitz, ma soprattutto commissionò e stampò alcuni dei suoi maggiori capolavori grafici.

Dalla serie dei Saltimbanchi con la celeberrima acquaforte Le repas frugal al Chefs d’oeuvre inconnue di Balzac, agli animali di Buffon, fino alla sua più ampia e straordinaria raccolta, La Suite Vollard a cui Picasso lavorò dal 1927 al 1937. Quest’ultima, sebbene pronta, rimase per lungo tempo sconosciuta a causa della morte di Vollard e per lo scoppio della seconda guerra mondiale, giacendo nel magazzino dello stampatore fino alla Liberazione della Francia e all’istituzione dell’Ambroise Vollard Estate.

Il catalogo pubblicato da GAmm Giunti comprende testi di Gary Tinterow, Pascale Le Thorel, Michele Tavola e Françoise Gilot.

dettagli
Biglietto: Intero 9,00 € - ridotto 7,50 €
quando
dal 05/04/12 al 08/07/12
DoLuMaMeGiVeSa
Orario: (scegli la data)
dove
Palazzo Franchetti
San Marco, 2842- Venezia
Centro Storico
eventi
 
DATE
EVENTI
LUOGHI
TESTO
Da
A
Mostre
Musica
Teatro
Danza
Rassegne cinematografiche
Tradizioni veneziane
Sport e giochi
Conferenze e convegni
Fiere e mercati
Centro Storico
Terraferma
Lido
Isole della Laguna
Area Centrale Veneta
Cavallino - Jesolo
Chioggia
Riviera del Brenta
Veneto Orientale
  X
  X